Palextra Store - prodotti per anime sportive

×
 x 

Carrello vuoto
Shopping cartCarrello vuoto

SHOP

facebookgoogle plus

Newsletter PaleXtra

captcha 

Magazine paleXtra

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Accesso
    Login Modulo Login

I campionati giovanili chiudono l'Estate di Triathlon

Inviato da il in Magazine
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 1109
  • 0 Commenti
  • Iscriviti a questo post
  • Stampa

Dopo gli Europei Juniores di Ginevra, i giovani triatleti affrontano l’ultimo appuntamento dell'Estate di Triathlon: sei giornate di gare e tre campionati italiani ospitati da Revine Lago e dintorni, grazie all’organizzazione congiunta di Silca Ultralite e Gp Triathlon.

Il 18 e 19 luglio si sono dunque tenuti i campionati italiani giovanili di triathlon, individuali e a squadre, che hanno visto in azione i migliori talenti italiani della disciplina.

Alle 14 di sabato pomeriggio, a partire per primi sono stati gli atleti Junior maschili, seguiti dieci minuti dopo dalle loro coetanee; stessa modalità per le categorie Youth B alle 15.30, e Youth A alle 16.45.

Per i Junior maschili, al termine dei 750 metri di nuoto è in vantaggio Matteo Gala (Minerva Roma), mentre nella seconda prova sono tre gli atleti che staccano tutti gli altri:

Matteo Bozzatto (Valle D'Aosta), Stefano Micotti (Azzurra Triathlon) e Valerio Cattabriga (Minerva Roma). Dopo 20 chilometri in bici, Micotti tiene duro anche nei 5 che lo separano dal traguardo, ma non riesce a contenere l’irresistibile progressione di Franco Pesavento (Triathlon Cremona), che taglia per primo il traguardo in 1h00’38’’. Al terzo posto c’è Nicola Azzano (Cus Udine).

Sul fronte femminile la prima ad uscire dalle acque del lago è Valeria De Quarto (Minerva Roma). Subito dietro di lei le inseguitrici, tra cui Angelica Olmo (Pianeta Acqua), autrice di una clamorosa fuga sulle due ruote. Quest'ultima riesce a mantenere il vantaggio anche nella terza frazione di gara, alzando le braccia per prima dopo 1h08’23’’ di gara. A completare il podio Federica Parodi (Virtus) e Alessandra Tamburri (Minerva Roma).

Nella gara Youth B maschile non stupisce di veder emergere per primo il campione di aquathlon Nicolò Ragazzo (Padovanuoto Fidia), seguito da Edoardo Toneatti (Rari Nantes Marostica). Dopo i 400 metri a nuoto sono però Jakob Sosniok (LC Bolzano) e Mirko Lazzaretto (Rari Nantes Marostica) ad imporre il loro ritmo nella seconda prova. Con la corsa il bolzanino capitalizza i secondi guadagnati durante i 10 chilometri sui pedali, andando a vincere in 32'09''.

A seguire troviamo Lazzaretto e Diego Luca Boraschi (Torrino Triathlon). Un plauso a va anche a uno dei favoriti, l’atleta della Silca Ultralite Federico Spinazzè, che ha gareggiato nonostante la febbre alta che lo ha colto qualche giorno addietro, ma è stato costretto a ritirarsi durante la seconda prova.

La competizione femminile ha visto uscire dal lago in testa a tutti due atlete della Triathlon Cremona, Fabiola D’Antino e Daniela Ansaloni, con Caterina Cassinari (Pianeta Acqua) e da Tania Molinari (Piacenza Triathlon) subito dietro. Quest’ultime sono state protagoniste della seconda frazione, insieme a Carlotta Missaglia (Cus Propatria) e Sara Moretti (TD Rimini).

Il quartetto propone agli spettatori 2 chilometri e mezzo di corsa davvero avvincenti, che coronano campionessa Missaglia, in 36'47'', seguita a stretto giro da Cassinari e Molinari.

Nella penultima gara, si fanno valere gli Youth A Davide Ingrilli (Cnm Milano), Tommaso Zanlungo (Pianeta Acqua) e Leonardo Pasquotto (Minerva Roma) che toccano terra per primi dopo 250 metri di nuoto, seguiti a breve distanza da Nicolò Strada (Pol. Riccione). Ingrilli, Pasquotto e Strada tengono la testa anche dopo i 6 chilometri in bici, con un vantaggio risicato su una decina di inseguitori.

Gli ultimi 2 chilometri di corsa vedono però emergere Riccardo Brighi (Amici del Nuoto), che vince in 21'54''. Completano il podio Ingrilli e Matteo Nonnino (Cus Udine), autore di una formidabile rimonta.

La giornata si chiude con le Youth A. Anche qui sono due atlete della stessa strada ad emergere per prime dalle acque, Beatrice Mallozzi ed Alice Comotto del Minerva Roma, appaiate a Chiara Cocchi (Amici del Nuoto).  Dopo la prova ciclistica, Mallozzi conduce per poco sul gruppo delle inseguitrici, che inglude le podiste Crestani e Romano.

Quest’ultima prende infatti la testa della corsa e taglia per prima il traguardo. L’entusiasmo è però frenato dalla doccia gelata della squalifica, commissionata per aver tagliato una boa nella prima parte della gara. La classifica ufficiale vede dunque sul podio Mallozzi (24'37''), la rivelazione Chiara Lobba (Rari Nantes Marostica) Francesca Crestani (Rari Nantes Marostica).

Oltre all’oro, tutti i vincitori hanno ricevuto le sei maglie tricolori in palio, che li coronano rappresentanti italiani della loro categoria.

"È stata una buona giornata di gare, quella di oggi a Revine - commenta il direttore tecnico giovanile Alessandro Bottoni - tutti gli atleti sono riusciti ad esprimersi al meglio, grazie anche ad un'organizzazione che ci ha riservato un angol o di valle tutta per noi.

Ci sono state alcune conferme, come tra gli junior maschili e femminili, con a podio i nazionali dei recenti Europei, e gli Youth B, e alcune belle novità tra gli Youth A. Inoltre la frazione di ciclismo ha condizionato la classifica, il che significa che in tanti iniziano a provare a fare la gara in bici. A livello partecipazione e numeri, continuiamo a crescere e questo non può che essere positivo. Anche la qualità di base degli atleti sta migliorando, ma bisogna continuare a lavorare per essere più competitivi a livello internazionale".

Il giorno dopo, domenica, 22 squadre hanno partecipato alla staffetta mista a squadre.

Nei Junior trionfa Minerva Roma, il cui gioco di squadra le ha consentito di condurre in solitaria l’ultima parte di gara. Piazza d’argento per Pianeta Acqua e bronzo per il tema Pro Patria, che strappa il podio al TD Rimini.

La gara degli Youth (A+B) vede primeggiare il Rari Nantes Marostica, i cui atleti hanno condotto buona parte della gara insieme a quelli del Minerva Roma, seconda classificata. Sul finale, lotta al cardiopalma per il terzo posto, conquistato dai padroni di casa del Silca Ultralite.

0

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite
Ospite Martedì, 19 Settembre 2017